Checkin:
Notti: Persone: Prenota ora

On the Road

Visitare Ragusa in sella ad una moto

 

Sentire la brezza sul viso, accarezzare il vento con le mani, saziare gli occhi di distese di sabbia bianca e mare, di ettari di ulivi e carrubi baciati dal sole, tutto questo insieme alla possibilità di conoscere nuove persone, entusiaste, con la passione per i viaggi e le due ruote è quello che vivrete scegliendo di visitare la provincia di Ragusa in sella ad una moto.

Come? Grazie al Tour Guide On the Road di Carmelo Cappello, siciliano, 34 anni, una famiglia che lo supporta e sopporta in tutti i suoi viaggi da biker in giro per il mondo, dalla Bretagna al Portogallo per tornare di nuovo nella sua Ragusa.

L’Associazione Moto Turismo Ragusa nasce appena un anno fa ed è già per molti turisti un servizio prezioso, perché consente loro di godere in modo privilegiato della vista di luoghi e siti mozzafiato.

“Ci sono tre semplici ragioni per sceglierci” ci dice Carmelo “il primo è che non troverete un altro servizio come il nostro in tutta la Provincia, il secondo è la cordialità e la simpatia – hai visto le foto delle braciolate? – il terzo è l’esperienza nel settore”.

Il quarto motivo lo mettiamo noi, riportando la frase che si trova sul sito ufficiale dell’Associazione “verrete a trovarci come turisti e ci lasceremo come fratelli”.

Allora abbiamo chiesto a Carmelo dove ci porterebbe se fossimo i suoi passeggeri?

“Eh, da dove comincio? Innanzitutto Ragusa Ibla, con le sue cento chiese, il barocco, gli angoli resi celebri da film come Divorzio all’italiana o Kaos e poi i vicoli di Scicli, la Grotta delle Trabacche, una piccola catacomba paleocristiana, un posto davvero unico. Naturalmente non mi sono dimenticato del Commissario Montalbano (come potrei?!), vi porterei davanti alla casa sulla spiaggia, sul lungomare di Marina di Ragusa a mangiare una granita e poi Modica, Pozzallo, Castiglione… insomma, voi salite e lo scoprirete!”

Di solito, quelli che salgono alla fine non vogliono più andarsene, perché a macinare chilometri respirando l’aria di mare e l’odore delle zagare si diventa amici. “Peccato che debba lasciare questo posto incantevole, ritornerò”, è la frase che Carmelo si sente dire più spesso alla fine dei suoi tour.
Non abbiamo difficoltà a crederlo, perché non provate?

Chiama
Prenota